I vini della Romagna, un viaggio fra i sapori autentici

Il vino in Romagna è qualcosa di magico ed è simbolo dell’ospitalità e convivialità che caratterizza questa terra.

La passione sincera per il vino ha le sue origini nel carattere e nella cultura del territorio, aperto e accogliente e allo stesso tempo nella sapienza di viticoltori che ne hanno fatto un’eccellenza.

L’offerta enologica è varia e spazia fra i sapori che caratterizzano le nostre colline, merito anche dei produttori locali che nel tempo hanno ottenuto numerosi riconoscimenti per le loro etichette “Made in Romagna”.

Dei cinque vini romagnoli, due – Sangiovese e Trebbiano – sono diffusi a livello nazionale, mentre gli altri tre – Albana, Pagadebit e Cagnina – sono caratteristici della provincia di Forlì-Cesena.

I vini di Romagna raccontano i loro luoghi d’origine e la personalità di chi li abita.

Fra questi il Sangiovese DOC è forse quello più conosciuto e apprezzato.

È un vino rosso ottenuto dalle uve di vigneti aventi un minimo dell’85% di Sangiovese e un massimo del 15% di altri vitigni a bacca nera.

Si tratta di un vino dal colore rosso rubino talora con orli violacei con un profumo delicato che ricorda la viola. Il sapore è armonico, leggermente tannico con un retrogusto gradevolmente amarognolo.

In Romagna il Sangiovese si sposa con le carni rosse, ma è anche apprezzato con la pasta fresca, le lasagne, i cappelletti in brodo o i tortelloni al ragù, per finire con la piada e i taglieri di affettati, salumi e formaggi.

Non vi resta che provare.

Buon appetito!